Regime forfettario: il regime agevolato

Sei curioso di conoscere una via migliore per la tua attività professionale? Sei stanco delle otto ore di lavoro in azienda e dell’ufficio? Hai sempre sognato di avere un’attività da libero professionista ma hai paura di perdere la tua sicurezza economica? Oggi ti regaliamo un nuovo punto di vista, grazie al regime forfettario e lavoro dipendente coesistenti e con imposte agevolate! Il regime forfettario è un regime contabile agevolato introdotto nel 2016 dallo Stato per aiutare soprattutto i piccoli contribuenti. Il regime offre particolari semplificazioni dal punto di vista della tassazione ma anche degli adempimenti fiscali. Grazie al regime forfettario non sarà obbligatorio tenere i registri contabili, non ci sarà rivalsa e liquidazione IVA e le fatture saranno da emesse senza IVA e ritenuta d’acconto. Inoltre non essendoci deduzioni di spese per l’attività a fine anno, non sarà neppure obbligatorio conservare ogni spesa! E tutto questo con una tassazione pari al 15%!

Regime forfettario e lavoro dipendente: restrizioni e limiti?

Come abbiamo detto prima, il regime forfettario ti concede la possibilità di pagare solo il 15% di tasse. Sicuramente però avrai letto che nel regime forfettario l’imposta sostitutiva è pari al 5% nei primi cinque anni, allora perché non lo abbiamo detto? Semplicemente perché la tassazione agevolata per startup non è sempre applicabile, come non sempre si può accedere al regime forfettario o addirittura avere al contempo regime forfettario e lavoro dipendente. Analizziamo insieme i casi in cui questo è possibile e quali sono i limiti imposti.

Lavoro autonomo e dipendente possono coesistere?

Compila il form sottostante e un consulente fiscale di Fiscozen ti contatterà per una consulenza: è gratis!

 

Reddito da lavoro dipendente: requisito di accesso al regime forfettario

In breve lo Stato Italiano ha cercato di evitare che l’accesso al regime forfettario possa nascondere altri intenti da parte dei contribuenti e quindi ha deciso di prevedere una specifica limitazione alla convivenza tra regime forfettario e lavoro dipendente. È stato infatti precluso l’accesso al regime forfettario a tutti coloro che da lavoro dipendente percepiscono redditi di importo superiore ai 30.000€. A differenza di coloro che svolgono esclusivamente attività autonoma, per coloro che hanno regime forfettario e lavoro dipendente non è possibile usufruire dell’agevolazione fiscale del 5% nei primi cinque anni di attività se il codice ATECO del lavoro autonomo corrisponde all’ambito del lavoro dipendente.

AGGIORNAMENTO 2019: il limite sui redditi da lavoro dipendente sono stati rimossi. Leggi le nuove regole per il regime forfettario 2019

Contributi previdenziali per coloro che hanno regime forfettario e lavoro dipendente

Se scegli di far coesistere regime forfettario e lavoro dipendente allora dovrai tenere in considerazione anche i contributi previdenziali. Da tener presente le seguenti casistiche:

  • Lavoratore dipendente con un’attività libero professionale non ordinistica: questo significa che hai un lavoro autonomo che non prevede l’iscrizione ad una cassa di previdenza dedicata, come può essere la Cassa Forense. In questo caso dovrai iscriverti alla Gestione Separata INPS e versare contributi previdenziali pari al 25,72% del reddito.
  • Lavoratore autonomo la cui attività prevede l’iscrizione ad una cassa previdenziale dedicata: dovrai iscriverti a questa e non alla Gestione Separata INPS. La contribuzione dipenderà dalla cassa di riferimento!
  • Lavoratore dipendente full-time che avvia un’attività d’impresa commerciale o artigianale: non dovrai iscriverti alla Gestione Commercianti e Artigiani INPS e non dovrai versare i contributi. Nella pratica di Comunicazione Unica dovrai comunicare all’INPS che sei già sottoposto ad altra forma previdenziale dovuta al rapporto di lavoro full time presso un’azienda di cui devi segnalare il nome.
  • Lavoratore dipendente part-time che avvia un’attività d’impresa in ambito commerciale o artigiana: dovrai iscriverti alla Gestione Commercianti e Artigiani INPS e versare i relativi contributi perché viene meno il principio di prevalenza del lavoro dipendente rispetto a quello autonomo.

Per sapere se hai tutti i requisiti per poter far coesistere regime forfettario e lavoro dipendente o vuoi conoscere le tue possibilità di accedere al regime forfettario, scrivici nella chat che vedi in basso a destra e saremo lieti di aiutarti. E ricorda che la consulenza è gratuita!

Scopri Fiscozen: un servizio innovativo per la tua partita IVA

Anche per te che sei un lavoratore dipendente sarà necessario il commercialista. L’alternativa, unica e che di fatto sostituisce il commercialista è Fiscozen, che offre un servizio innovativo e trasparente. Fiscozen è un nuovo modo di concepire la tua partita IVA che ti aiuterà a dimenticare lo stress di tasse, scadenze e documenti. Fiscozen ti aiuterà a gestire la tua attività dandoti addirittura le previsioni di spesa sulle tue tasse fino ai due anni successivi a quello corrente (con gli evidenti vantaggi che questo comporta)! Risparmia tempo e denaro acquistando il tuo piano in abbonamento: costa solo 299€+IVA all’anno e include sia l’apertura della Partita IVA che un software di fatturazione online per creare le tue fatture senza errori! Chiedi una consulenza gratuita, tramite chat, mail o telefono, e un consulente fiscale di Fiscozen ti ricontatterà subito per aiutarti ad iniziare con successo la tua attività!

3.89/5 (9)

Questo articolo ti è stato utile? Lascia una valutazione